Il Gigante Amico

Leggo sulle agenzie di stampa che, fra le tante scuole che hanno riaperto ieri i battenti, c’è anche il nuovo istituto Jovine di San Giuliano di Puglia (Cb), risorto dalle ceneri di quella scuola che sei anni fa il terremoto in Molise fece crollare su 27 bambini e la loro maestra. Ora, dopo i soliti troppi anni necessari alla ricostruzione dell’edificio, bambini e maestri di San Giuliano sono tornati finalmente a popolare la scuola del loro paese.

Ma un nuovo sisma, questa volta fortunatamente solo di carattere burocratico-amministrativo, si profila all’orizzonte. Pare, infatti, che a seguito delle norme recentemente introdotte dal ministro dell’Istruzione Gelmini, relative alla razionalizzazione degli istituti scolastici sul territorio nazionale, uno dei requisiti richiesti perché una scuola possa continuare ad esistere sia quello del limite minimo dei 100 studenti iscritti. Ebbene, stando alle agenzie di stampa, l’istituto in questione ne conterebbe, al momento, 99.

Azzardo una previsione. Il prossimo 18 settembre è prevista l’inaugurazione ufficiale alla presenza di Berlusconi e della Gelmini: vuoi vedere che il nostro premier, con un colpo ad effetto, si fa iscrivere come centesimo studente (onorario, si capisce!), salvando in tal modo la scuola del paese? Gigante… Pensaci tu! cantavamo ai bei tempi di Carosello sulle note di un famosissimo refrain pubblicitario: sono passati più di trent’anni, ma il Gigante Amico veglia ancora su di noi.

Commenti