Post

Comunicazione e verità

IMMAGINIAMO UNA LINEA DI GALLEGGIAMENTO: sotto di essa si paga lo scotto di comunicare poco, di non spiegare abbastanza, di non fornire nozioni sufficienti ad una conoscenza per così dire minima; al di sopra, quello della saturazione, della congestione delle comunicazioni senza filtri, fino alla confusione ingenerata dalle troppe informazioni.

In entrambe i casi il risultato è lo stesso: si finisce per non capire e non conoscere le cose. Che resta il vero dato obiettivo.

Quello soggettivo ha a che vedere con le ragioni che sottendono al fatto di trovarsi sopra o sotto la linea. Si comunica poco per nascondere informazioni ai più e in tal modo mantenere una posizione di privilegio, secondo l'equazione per cui la conoscenza è potere? Oppure si favorisce appositamente la diffusione di qualsiasi informazione, da qualsiasi parte provenga, indipendentemente dalla fonte che la proponga, secondo l'altrettanto nota equazione per cui la conoscenza è libertà, ma in realtà per ingenerare …

CIUDAD DE MÉXICO

FILMS... IN MY SHOTS

Presepe, ricordi e Natale

Avrei voluto non saperlo

Il tuo primo passo

Dieci anni di te e di me