QUESTO BLOG È ESPRESSIONE DEL LIBERO PENSIERO, GARANTITO E TUTELATO DAGLI ARTICOLI 3 E 21 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA E NON INTENDE PROMUOVERE ALCUNA CAMPAGNA DI INCITAMENTO ALL'ODIO E ALLA VIOLENZA. PERTANTO SI DIFFIDANO LE AUTORITÀ A INTRAPRENDERE AZIONI MIRANTI AL SUO OSCURAMENTO PERCHÈ ASSOLUTAMENTE INGIUSTIFICATE E, PARIMENTI, I LETTORI A FORMULARE COMMENTI CONTRASTANTI CON IL SUO INTENDIMENTO PERCHÈ ASSOLUTAMENTE INDESIDERATI.

venerdì 14 settembre 2012

Dio è morto. Da mo'...!

Per una cazzata di film, alcuni fanatici religiosi artatamente aizzati e armati (e qui bisognerebbe andare a scavare ben bene per scoprire chi è che, di tanto in tanto, li aizza e arma...) stanno incendiando il nordafrica e il medioriente.

Per la fame e le malattie di cui muoiono ogni giorno, da innumerevoli anni, i bambini in quegli stessi Paesi, invece, nessuno di questi esaltati ha mosso un dito nè si è sognato di mettere a ferro e fuoco le ambasciate e le rappresentanze delle nazioni o delle multinazionali sfruttatrici.

...Come sarebbe stato giusto fare da almeno due o tre secoli!

Io dico che se veramente c'è un Creatore - chiunque e di qualunque colore esso sia - si sta rivoltando nella tomba. Nella sua.


AGGIORNAMENTO. Ecco qua. Neanche a farlo apposta, questa agenzia è appena uscita. La violenza non è mai la soluzione, ma se proprio si deve trovare un motivo per assaltare un'ambasciata...

MORTO BIMBO BLOCCATO AL CAIRO PER CURE TROPPO COSTOSE
ERA RICOVERATO DA UNA SETTIMANA AL REGINA MARGHERITA DI TORINO
(ANSA) - TORINO, 14 SET - E' morto oggi Samuele Canova, il
bimbo di tre mesi che una settimana fa era stato ricoverato
all'ospedale Regina Margherita di Torino dopo essere rimasto
bloccato in una clinica americana del Cairo perche' i suoi
genitori non avevano i soldi per pagare tutte le cure, del costo
di oltre 100 mila euro. Le condizioni del piccolo, affetto da
fibrosi polmonare ed encefalopatia ipossico-ischemica, erano
rimaste molto gravi. I genitori, Luca Canova e Sara Peira,
avevano aperto una pizzeria a Sharm-el-Sheik.  (ANSA).

YS8
14-SET-12 18:03

9 commenti:

  1. nulla quaestio sull'assurda (per noi occidentali, ovviamente) visione della vita e della religiosità di "alcuni fanatici religiosi", il cui tasso di fede non si avvicina neanche lontanamente al nostro. basta guardare, infatti, i molti pacifici musulmani che si limitano "solamente" ad interrompere ogni genere di attività per pregare, quando arriva l'ora, incuranti di chiunque si trovi nei dintorni mentre da noi ci si vergogna a far vedere che si entra in una chiesa...
    premesso questo, mi sembra riduttivo parlare solo di "cazzata di film", considerando che mi continuo a chiedere che necessità c'è di andare a sfrugugliare questi soggetti salvo poi cadere dal pero sulle conseguenze...
    mi sembra più corretto, quindi, scrivere: "per una cazzata..."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se è per questo, da noi ci si vergogna o si ha difficoltà pure a fare outing della propria mancanza di fede. Neanche fosse una colpa maturare un percorso in cui si arriva alla fine a concludere di non volersi sentire minimamente coinvolto in necessità spirituali...

      Elimina
  2. Gianluigi17/9/12 15:17

    Scusate ma perchè bersagliare un film (per quanto cretino, blasfemo, cazzaro e tutte le definiziaoni che volete appipargli)?...e la tanta "abusata" libertà di espressione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto qualche spezzone fra tg e la rete: mi pare proprio una cazzata di film. Mi riferisco proprio al senso artistico dell'"opera" in sè, secondo il modesto parere di un modestissimo cinefilo. La libertà di espressione non c'entra nulla: altrimenti non sarei qui a scrivere di relativismi.

      Elimina
    2. Gianluigi17/9/12 16:55

      Ma scusa...secondo te si "ribellano" perchè il film esteticaemnte è una cacata?

      Elimina
    3. Mi sono spiegato male: intendevo che volutamente non sono entrato nel merito delle loro ragioni (che comunque non condivido, nè nella forma nè nella sostanza) perchè non era quello l'oggetto della mia riflessione. Quel che mi premeva sottolineare era la sproporzione abnorme fra la reazione e la pochezza dell'oggetto del contendere, soprattutto a fronte di altre ingiustizie e malvagità ben più importanti (c'è di mezzo la vita di migliaia di persone e non una parodia anche mal realizzata) e sistematiche (si ripetono da secoli nel mondo moderno, almeno dai tempi del colonialismo) contro le quali non c'è reazione alcuna o quasi da parte di queste stesse persone.

      Elimina
    4. Gianluigi17/9/12 18:58

      si si questo l'ho capito. io ribadivo ancora più fermamente il concetto, sottolineando che nessuno ha detto che "chiunque può pubblicare quello che vuole"...anzi tutti i capi di governo occidentali e i media hanno amplificato il fatto che il film fosse uno "scandalo" a cui si dissociavano....

      Elimina
    5. Eh, quella si chiama ragion politica... E' una delle due cose che ci distinguono dagli animali!

      (l'altra è il pollice opponibile ed è universalmente riconosciuta come la caratteristica di maggiore utilità... per noi)

      Elimina
    6. forse anch'io non mi sono espresso al meglio. la libertà religiosa, così come quella di espressione, sono concetti che ci siamo dati e, quindi, relativi. per noi, in generale, hanno un significato (e anche all'interno della visione occidentale ci sono molti distinguo)che è diverso da quello di altri popoli. la storia è vecchia, ci siamo già passati con la democrazia da esportazione. è un po' come il saluto che si fanno due persone a roma, dove spesso si sente dire, in vece del classico "ciao, come stai?", "aho, li mortacci tua. chi nun more se rivede". di fronte a tanta calorosità c'è chi si fa una risata (e risponde di pari grado, secondo un codice variegato e non convenzionato che solo un romano può conoscere) e chi s'incazza per aver offeso i suoi cari. ecco, "loro" si incazzano se gli tocchi il profeta. per cui le domande rimangono: perché? ne vale la pena? non sono sufficienti le scheggie di follia che riempiono le cronache di tutti i giorni? la nostra (presunta) superiorità non dovrebbe suggerisci un atto intellettivo migliore per evitare ogni volta, ribadisco, di cascare dal pero?
      non so se ho reso meglio il pensiero

      Elimina

Etichette

2012 (1) abruzzo (8) adsl (1) aforismi (1) africa (3) agricoltura (1) al qaeda (1) al servizio del paese (2) alberi (2) alemanno (1) alfano (7) alieni (2) amato (1) ambiente (1) amici (1) amnistia (2) andreotti (1) anni '70 (2) anni 70 (1) annozero (3) ansa (1) antifascismo (1) anziani (1) aparthaid (1) apocalisse (1) ateobus (1) ballarò (1) bambini (2) banche (2) bce (1) benigni (1) benvenuto (1) beppe grillo (2) berlusconi (99) bersani (3) bertolaso (1) bier (1) blog (9) bondi (1) bongiorno (2) bonolis (6) borsa (5) borsellino (2) bracciano (2) brunetta (2) bullismo (1) bush (4) busi (1) caffarra (1) calcio (3) calcioscommesse (1) calendario (1) camorra (5) cancellieri (1) cane (1) canzoni (2) carcere (4) carosello (2) casalinga (1) cassazione (2) castelli (1) catricalà (2) cerchi nel grano (1) chiesa (4) cina (1) cinema (1) colonna (1) come ci prendono in giro (2) comici (1) commenti (1) comunicattivo (1) con pietro grasso (1) conpietrograsso (1) conso (1) contraccezione (1) coraggio (1) corruzione (6) corteo (1) costi (2) costituzione (7) crisi economica (42) cristina bozzi (1) crop circles (1) destra (1) di pietro (1) dio (3) dipendenza (1) diritti umani (1) discorso (1) dissenso (1) dittatura (1) dolore (1) donne (2) draghi (1) ecologia (2) economia (1) educazione (1) elezioni (4) elezioni europee (2) elezioni regionali (2) elisa (1) eluana englaro (2) emilia romagna (1) emozioni (1) equitalia (1) etichette (1) euro (2) europa (2) evasione fiscale (4) f35 (2) facebook (2) falcone (2) fantacronache (5) fantascienza (1) fascismo (2) febbre suina (2) festa del lavoro (1) festival (14) film (5) filmato (1) fine del mondo (1) fini (5) flick (1) follia (1) fonti energetiche (1) forza (1) fracking (1) g8 (4) gabanelli (2) gelmini (2) ghedini (1) giappone (1) giornalismo (2) giovani (1) giustizia (8) google (1) governabilità (1) governo (10) grasso (2) gratteri (1) grecia (2) grillo (2) guerra (9) il fatto quotidiano (1) immigrazione (3) immunità (1) impiegati statali (1) influenza (1) informazione (3) ingiustizie (2) ingovernabilità (1) ingroia (1) intercettazioni (4) internet (5) italia (28) iva (1) kamikaze (1) la russa (1) lega (4) letizia (1) letta (3) libertà (2) libri (1) limiti (1) liste elettorali (1) lodo alfano (7) maddalena (1) mafia (15) magistratura (6) maltempo (1) mancuso (1) mandela (1) manovra economica (7) maroni (2) massoneria (1) mastella (1) matheson (1) matrimonio (1) mccain (1) media (3) mediaset (2) mentana (1) meraviglioso (1) mercati (6) minzolini (1) misteri (3) momenti bui (3) mondo (2) monti (14) morte (3) morti (2) musica (4) napolitano (12) natale (4) nazisti (1) negro (1) nobel (1) nome (1) obama (8) odio (1) onu (1) orto (1) osama bin laden (1) pace (1) papa (4) parigi (1) partiti (1) partito democratico (1) pasqua (1) passato (1) paura (2) pc (1) pd (5) pensieri leggeri (1) pensiero unico (1) personale (85) petrolio (1) piano-casa (1) politica (137) poliziotti infiltrati (1) poveri (2) presidente (1) privacy (1) profezia maya (1) prostituzione (1) pubblica amministrazione (2) pubblici dipendenti (2) pulcino (1) queen (2) quiz (1) racconto breve (21) radio (1) rai (3) rapporto EIU (1) ratzinger (1) referendum (2) religione (2) renzi (5) report (2) resistenza (2) responsabilità (1) retata (1) rifiuti (1) righetti (1) rinascita (1) ringhio (1) roberto ruocco (1) roma (3) russia (1) saggi (1) sanremo (14) santoro (1) saviano (2) scandalo (2) schifani (2) scudo fiscale (1) scuola (4) scuse (1) se stessi (1) segreti di stato (3) senato (1) sesso (1) shore (1) sicurezza (4) signore degli anelli (1) simboli (1) sinfonia (1) sinistra (4) social card (1) società (1) soldi (4) sole (1) sondaggio (1) spread (5) squadra (1) stato (1) tangentopoli (5) tav (1) telecom italia (2) televisione (1) televoto (3) terra (4) terremoto (11) terrorismo (3) tevere (2) tifo (1) tornatore (1) travaglio (1) tremonti (6) treni (1) trenitalia (1) trilussa (1) tv (4) ufo (1) umanità (2) una scelta di vita (1) uomini (2) uomo (4) usa (10) valori (1) vaticano (2) vauro (1) veltroni (1) verità (1) vezzali (1) viareggio (1) vicenda umana (4) video (1) violenza (2) vita (17) vittoria (1) volontà (1) volontari (1) wall street (1) wikileaks (1) zawahiri (1)

DISCLAIMER

LE IMMAGINI QUI RIPRODOTTE SONO PER LO PIÙ PRESE DA INTERNET E NON FINALIZZATE A SCOPO DI LUCRO. SARANNO RIMOSSE IMMEDIATAMENTE IN CASO DI LAMENTELE DA PARTE DEGLI AUTORI.