Racconto breve: L'ULTIMA PAGINA - © di Marcus

L'ultima pagina della sua storia fu un'unica grande corsa a perdifiato verso la fine. Raccontava l'inevitabile precipitarsi di una vita segnata dall'incuria. Verso se stesso, certo (come negarlo?). Ma vergata anche dalle batoste di un destino avverso (già, perché non concedersi almeno questa giustificazione?).  Assisteva con incredulità all'ultimo atto di quell'avventura. E nella sua mente scorrevano come in un film le immagini più significative e importanti. Non solo i momenti che amava ricordare di più, ma anche quelli che aveva vissuto davvero a fatica. Ormai facevano parte di sé e gli era impossibile liberarsene.

Nell'ultima pagina della sua storia l'amore aveva avuto finalmente la meglio. Oddio, più che l'amore, sembrava essere stato il sesso a spuntarla. Ma d'altronde era nell'aria da un bel po' una conclusione così liberatoria. Sia per lui che per lei. E nonostante la più che mezza età, entrambi seppero soddisfare l'uno nell'altro quel desiderio iniziato tanto tempo prima, maturato pian piano e sempre più consapevolmente in loro, fino alla smania della passione che li vedeva ora, sudati e affannati protagonisti, nel giusto epilogo della loro vicenda umana. 

All'ultima pagina della sua storia si sarebbe potuto dire tante cose, fare un bilancio della strada che si era fatta, delle complicazioni vissute, dei nodi che si erano via via intrecciati e sciolti. Certo, non poche volte aveva rischiato di lasciarsi andare allo sconforto e alla sfiducia. Ad un certo punto aveva perfino desiderato mollare tutto. La sua salvezza era stata quella di visualizzare sempre le poche curve che mancavano al traguardo. Sempre poche curve, mai pensare che fossero di più. E così aveva resistito. Aveva ricacciato indietro la tentazione di alzare le mani e arrendersi al lento fluire dell'inedia. Aveva ritrovato il vigore necessario per arrivare alla fine. E ci era arrivato.

Così...

Così, quando scrisse l'ultima pagina della sua storia, semplicemente posò la penna. E chiuse il quaderno.

Commenti