Crisi Nord Africa: le ultime parole famose di Berlusconi

Ammettiamolo: che il nostro presidente del consiglio ci faccia spesso rodere i coglioni (scusate la colorita sincerità) non è una novità; ma che ora debba costringerci pure ad una bella strofinata antisfiga sempre da quelle parti, beh... questo non è affatto bello da parte sua! Ecco cosa disse Silvio Berlusconi il 23 dicembre 2010, in occasione della conferenza stampa di fine anno davanti a un centinaio di giornalisti italiani e stranieri. Chi volesse, potrà trovare sul sito del governo l'audiovideo integrale del suo intervento.

ZCZC2133/SXA
XPP52496
U POL S0A QBXB
BERLUSCONI,AMICIZIA LEADER NORDAFRICA AIUTA INTERESSI ITALIA
'E SONO DA STIMOLO IN LORO CAMMINO VERSO DEMOCRAZIA'
(ANSA) - ROMA, 23 DIC - ''Sono legato da un'amicizia vera con
tutti i leader dei Paesi nordafricani, con Mubarak e la sua
famiglia, con Bouteflika, con Gheddafi e Ben Ali'', per i quali
''sono di stimolo al loro cammino verso la democrazia'', ma ''ci
sono anche gli interessi italiani''. Lo ha detto il premier
Silvio Berlusconi nella conferenza stampa di fine anno.
Berlusconi ha poi spiegato come ''la soluzione del problema
della colonizzazione in Libia che abbia portato all'Italia la
simpatia di tutti coloro che hanno subito la colonizzazione''.
Questo, ha sottolineato, comporta vantaggi ''commerciali'' ed
''energetici'', non solo in Libia, ma anche in Algeria ed
Egitto.
(ANSA).
KVI
23-DIC-10 13:25

Ma siam pafzzi?!? Direbbe il buon Crozza rifacendo il verso-tormentone di Bersani.

Ora, voglio dire... li ha messi in fila uno per uno...!

Li ha elencati tutti, dal primo all'ultimo: Mubarak, Bouteflika, Gheddafi e Ben Alì...!!

Ha addirittura accennato al loro "cammino verso la democrazia", per il quale avrebbero dovuto essere di esempio, anzi "di stimolo" per altri Paesi...!!!

Ragazzi...! Se fino a qualche giorno fa la frase ricorrente a proposito di Silvio Berlusconi era 'mandereste vostra figlia a cena con quest'uomo?', oggi è diventata: 'vorreste che quest'uomo si interessasse a voi?'.

Non si può dire, fra l'altro, che il nostro premier non avesse già sparso i germi della sua lungoveggenza politica, da vero statista e profondo conoscitore della scena internazionale. Vi copio/incollo qui qualche agenzia di stampa con altri virgolettati altrettanto profetici.

A proposito di Mubarak...

ZCZC0331/SXA
XAI15244
U POL S0A QBXB
ITALIA-EGITTO: BERLUSCONI, RAPPORTI CRESCONO SEMPRE DI PIU'
MUBARAK RINNOVA INVITO AL PREMIER, VENGA APPENA POSSIBILE
(ANSA) - ROMA, 23 SET - ''C'e' grande soddisfazione'' nel
constatare che i rapporti bilaterali tra Italia ed Egitto
''continuano a crescere sempre di piu' ''. Lo ha detto il
premier Silvio Berlusconi in una dichiarazione congiunta con il
presidente egiziano Hosni Mubarak, oggi a Palazzo Chigi,
ricordando i risultati del vertice intergovernativo che si e'
svolto lo scorso maggio a Roma.
Berlusconi ha dato il benvenuto a Mubarak come ''grande amico
dell'Italia e mio personale''. Dal canto suo il presidente
egiziano ha ''rinnovato l'invito'' al premier a recarsi in
Egitto ''appena possibile''. (ANSA).

KVI
23-SET-10 15:24

A proposito di Gheddafi...

ZCZC
AGI0550 3 POL 0 R01 /
LIBIA: BERLUSCONI, CHI CRITICA PRIGIONIERO DI SCHEMI SUPERATI (2) =
(AGI) - Roma, 30 ago. - Berlusconi, che ha parlato per pochi
minuti dal palco, al contrario di Gheddafi che e' intervenuto
per 35 minuti, ha definito il trattato di amicizia tra i due
paesi, "un modello di diplomazia nell'era della
globalizzazione.
Quando due popoli, separati da vicende tragiche e dolorose,
riescono a superare queste vicende - ha aggiunto - ritrovando
intesa e amicizia, cio' avviene a vantaggio di tutti''.
"Grazie a questa amicizia - ha proseguito -
l'Italia ha potuto contribuire a risolvere la crisi dei visti
fra la Libia e i paesi dell'Unione europea e grazie al trattato
e' stato possibile contrastare con successo la tratta dei
clandestini dall'Africa all'Europa per mano delle
organizzazioni criminali. E' quindi un vantaggio per tutti - ha proseguito il
Cavaliere - se le relazioni fra l'Italia e la Libia sono
cambiate; chi non lo capisce, c'e' stata qualche critica in
questi giorni al riguardo, appartiene al passato e' prigioniero
di schemi superati; noi, invece, vogliamo guardare avanti e al
futuro, per il bene dei nostri figli e per tutta la comunita'
internazionale".
Il premier ha ringraziato Gheddafi definendolo "il mio
amico leader della grande Jamahriya" e "tutti i suoi
collaboratori e a tutti i cittadini libici dico ancora grazie
per la loro volonta' di superare il passato, di lavorare
insieme e di essere amici". (AGI)
Mgm
302243 AGO 10

A proposito di Ben Alì...

ZCZC0326/SXA
WDF21415
R POL S0A QBXB
BERLUSCONI NELLA'BAGHERIA'TUNISINA, SCONFIGGERO' MAFIA/ANSA
IL PREMIER IN VISITA PRIVATA DA BEN ALI; SHOPPING TRA ANTIQUARI
(dell'inviato Federico Garimberti)
(ANSA) - TUNISI, 18 AGO - Una lunga colazione con il
presidente tunisino, una visita ad un paio di lussuosi antiquari
ed infine un sopralluogo sul set di 'Bagheria', l'ultimo film di
Giuseppe Tornatore. E' durata poco meno di 10 ore la visita di
Silvio Berlusconi in Tunisia e proprio negli studios del film
co-prodotto da Medusa e da Tarek Ben Ammar, l'imprenditore
franco-tunisino da anni amico del cavaliere. [...]
Berlusconi e' giunto a Tunisi intorno alle 10 del mattino e'
si recato direttamente nella residenza del presidente Zine
El-Abidine Ben Ali' nel quartiere residenziale di Cartagine. Una
colazione fra vecchi amici, come lo stesso presidente del
consiglio definisce il leader tunisino, che lo ha accolto con
una banda e gli onori militari. La sua e' stata una visita
privata in cui pero' si e' discusso a quattr'occhi (Berlusconi
era accompagnato unicamente da Ben Ammar e dagli uomini della
sua scorta ed ha parlato in francese senza traduttore), di temi
internazionali: dal G8 al Medio Oriente; dal ruolo dell'Unione
africana ai temi di politica internazionale. Nessun riferimento,
invece, almeno stando al resoconto ufficioso della visita, ai
temi di politica interna.
Dopo il pranzo, il cavaliere si e' trasferito nel quartiere
di Soukra per visitare un paio di antiquari, uno dei quali
particolarmente lussuoso. Il cavaliere si e' informato del costo
di una statua di Giovanna D'Arco, ma alla fine non l'ha
acquistata. In compenso, i proprietari gli hanno fatto omaggio
di una statuetta raffigurante un disegno di Salvador Dali'
ringraziandolo per essere ''un amico della Tunisia''. Poi sempre
con Ben Ammar, si e' recato su set del film che Tornatore
presentera' a Venezia. Qui in Tunisia, infatti, la co-produzione
Medusa-Ben Ammar, ha riprodotto fedelmente le strade, le piazze
e persino la cattedrale della cittadina siciliana dopo che
all'inizio delle riprese a Bagheria era stato chiesto il pizzo. [...]
Dopo gli scatti di rito con alcuni operai, Berlusconi si e' recato all'ultima tappa
della sua visita, la Tv 'Pan-Magrebina' di Ben Ammar, Nessma Tv.
Il cavaliere ha sottolineato l'importanza di una Tv satellitare
che si vede in 4 diversi paesi facendo un in bocca al lupo ai
registi, ai conduttori e agli operatori presenti negli studi e
sottolineando l'importanza che la Tv puo' avere nella vita delle
persone come ''segno di liberta''.
Il premier e' quindi tornato in aeroporto senza pero'
fermarsi a parlare con i giornalisti che lo attendevano
all'ingresso dell'area dedicata ai voli di stato, ed e'
rientrato in Italia in serata.(ANSA).
GMB/MRS
18-AGO-09 21:49

Da qualche giorno, pare che Putin, Sarkozy ed altri leader politici stranieri dei quali il premier in passato ha più volte ricordato l'amicizia, abbiano iniziato a fare largo uso di pratiche antisfiga, compreso quello sfregamento alle parti basse che magari non sarà troppo elegante ma... hai visto mai?!?

In un quadro del genere, ecco allora che il 6 aprile prossimo, giorno in cui a Milano inizierà il processo contro Berlusconi per i reati di concussione e sfruttamento della prostituzione minorile ma anche la terribile data del terremoto in Abruzzo, assume un significato epico per il nostro presidente del consiglio. Anzi, un significato che ha il sapore di una dantesca pena del contrappasso!

Commenti

  1. Beh, dai, qualcosa di buono lo ha fatto, ammettiamolo...ha steso tutti i dittatori del nord Africa o quasi.
    Bravo, vero???
    Non sarà il caso di ringraziarlo, che dici???

    RispondiElimina
  2. Per Zicin:
    Ahahahah! Brava Zicin! Giusto: il bicchiere va visto sempre mezzo pieno!!!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. Gianluigi23/2/11 19:24

    e non dimentichiamo le varie catastrofi umanitarie e non verificatesi durante i suoi governi. Terremoti, Maremoti, Crisi finanziarie, Economie mondiali a picco...

    RispondiElimina
  4. Per Gianluigi:
    E ancora: Italia cacciata dalla Corea nei mondiali 2002 e addirittura al primo turno in quelli del 2010!!! Vogliamo parlarne???

    RispondiElimina
  5. Nella stessa settimana mi si è rotta la lavatrice, mi si è smagnetizzata misteriosamente la sim del telefono e... in una notte mi son diventati bianchi altrettanto misteriosamente,un sacco di capelli (alla Maria Antonietta).... e SO IOOOO DI CHI E' LA COLPA!!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Che porti sfiga può essere e non dimentichiamo tante altre situazioni,come già elencato da te.Piacere di fare la tua conoscenza e ti auguro una serena notte.Salutoni a presto

    RispondiElimina
  8. legato da amicizia vera dice Berlusconi. L'amico vero è quello che si scopre nel momento del bisogno. Forse il Berlusca pensava alla vecchia barzelletta che sicuramente conosci.... il wc.

    RispondiElimina

Posta un commento