Ostinatamente quadrato!

Fai del tuo meglio per condurre un'esistenza che abbia un senso, di quelle con almeno un capo e uno sviluppo consequenziale ad esso. Ti sforzi di darti una disciplina, né rigida nè finta, ma che almeno sia univoca e sia tua. Poi il tempo passa e ti rendi conto che la vita è un flusso imprevedibile, che si snoda, si agita e muta al semplice accadere delle cose. E non si ferma. E riprende ad avvilupparsi su se stesso, ancora e ancora e ancora. 

E tu capisci bene, solo a quel punto, che gli angoli di un'esistenza quadrata hanno ben poca speranza in quella marea travolgente. Anzi, se tutto va bene, sai che ne usciranno inesorabilmente smussati, incapaci di opporsi a tanta forza. A pensarci, non avrebbero proprio ragione di esistere...

Ma tant'è, esistono e resistono. Ci provano, almeno. Perché è nella loro natura avere spigoli e lati. Invece che un'unica, informe deriva di curve senza fine.

E improvvisamente ti senti forte. Non il più forte del mondo, ma tanto sai che non ha alcuna importanza esserlo, no?

Commenti

  1. Non amo gli spigoli... la vita è tutta una curva infinita....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo è, infatti. Ma a volte potrebbe essere utile, per noi, fare gli spigoli. Specialmente quando la corrente è incontrollata.

      Elimina

Posta un commento