I simboli della vergogna

Io dico che l'indicatore che più di altri denota il decadimento del senso civico del nostro Paese (insieme al personalissimo sistema di rispettare la coda) è il deposito di 219 contrassegni per le elezioni politiche del 24 e 25 febbraio prossimi.

Duecentodiciannove simboli... ma vi rendete conto?!? Non gliene frega un beneamato piffero di programmi e curricula! L'obiettivo, quello vero, frutto spesso di un vero e proprio accordo con i partiti tradizionali che vedono di buon occhio il diffondersi di queste cosiddette 'liste civetta', è ben altro: l'importante è strappare un voto in più. Con un'assonanza fonetica, una maiuscola, un'imitazione grafica, una parola in più o in meno... Un voto in più, purchè sia...

Siamo davvero un Paese contraffatto...

Siamo davvero un Paese senza vergogna...

Commenti