QUESTO BLOG È ESPRESSIONE DEL LIBERO PENSIERO, GARANTITO E TUTELATO DAGLI ARTICOLI 3 E 21 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA E NON INTENDE PROMUOVERE ALCUNA CAMPAGNA DI INCITAMENTO ALL'ODIO E ALLA VIOLENZA. PERTANTO SI DIFFIDANO LE AUTORITÀ A INTRAPRENDERE AZIONI MIRANTI AL SUO OSCURAMENTO PERCHÈ ASSOLUTAMENTE INGIUSTIFICATE E, PARIMENTI, I LETTORI A FORMULARE COMMENTI CONTRASTANTI CON IL SUO INTENDIMENTO PERCHÈ ASSOLUTAMENTE INDESIDERATI.

martedì 27 marzo 2012

Penso che un giorno così non ritorni mai più...

Pensiamoci: dal 16 novembre 2011, giorno in cui Monti ha prestato giuramento al Quirinale, non sono passati neanche sei mesi; e in neanche sei mesi questo governo di tecnici sta riuscendo là dove nessun esecutivo politico era riuscito prima.

Pensiamoci: liberalizzazioni e semplificazioni, riforma del mercato del lavoro e dell'art. 18, riforma delle pensioni, tetto ai compensi dei manager di Stato, trasparenza totale dei redditi dei ministri; e poi ripristino ed aumento della tassa sulla prima casa, revisione degli estimi catastali, norme in materia di tariffe professionali, contro i privilegi corporativi, per lo svuotamento delle carceri... Cose belle e meno belle, brutte e meno brutte. Alcune di esse veri e propri tabù.

Ma ve le ricordate le polemiche e le bufere mediatiche quando il primo governo Berlusconi si azzardò a toccare il tema della riforma delle pensioni? Ricordate i fiumi di parole, le manifestazioni, l'asprezza del dibattito non solo parlamentare intorno al concetto di 'scalone' pensionistico proposto dall'allora ministro del Lavoro Maroni? E quando fu il governo Prodi a riprovarci successivamente? E le rivolte dei taxisti ogniqualvolta che anche solo un sindaco proponeva di intervenire sulla concessione delle licenze? E le sommosse di ordini professionali e corporazioni di fronte alle cosiddette 'lenzuolate' proposte dall'allora ministro Bersani? E il terremoto provocato dalla proposta, prima, e dall'approvazione, poi, dell'indulto che svuotò le carceri sovraffollate rimettendo in libertà migliaia di detenuti?

Ci sono riforme varate in questi sei mesi dal governo Monti che in anni e anni di governi politici, diretta espressione del voto elettorale e quindi - almeno teoricamente - appoggiati dalla maggior parte della pubblica opinione votante, nessuno si era mai sognato di ipotizzare. Nemmeno lontanamente. La possibilità di licenziare un lavoratore per motivi di sofferenza economica... Ma vogliamo scherzare?!? Ripristinare l'ex Ici, appesantendola con nuovi e più salati valori catastali, per poi sottrarre la fetta più grande di introito alle casse dei Comuni cui prima era destinata quasi integralmente... Ma siamo matti?!?

Eppure così è andata in questi ultimi sei mesi di storia italiana. E chissà quante altre novità di qui ad un anno, quando saremo finalmente chiamati a votare il nuovo Parlamento...

Io credo che i partiti e la politica in generale abbiano di che riflettere su quanto sta accadendo. Soprattutto su un fatto: che gli italiani hanno preferito accettare nuove tasse, imposizioni varie e addirittura la svendita alle banche piuttosto che continuare a farsi prendere in giro e rappresentare dalle solite facce e voci che negli ultimi anni, da destra, sinistra e centro, li hanno governati. Stufi di tante non-risposte, di sorrisetti ironici, di strepiti televisivi quando non di offese gratuite; stufi di vedere i 'soliti noti' gozzovigliare sulle loro belle poltrone, arraffando a destra e a manca, operosi all'unico fine di consolidare la propria posizione, il loro status e quello degli amici; stufi di tangentopoli nazionali, regionali, provinciali, municipali e condominiali; stufi di malasanità, malagiustizia, malaffare di varia natura; stufi di sentirsi raccontare balle su crisi inesistenti e domani prosperi, di essere rappresentati da premier che vanno in giro a fare le corna, di guardare una seduta  del Parlamento e vedere all'opera bambini dell'asilo.

Gli italiani sono stufi, questo è chiaro. Sono stufi di tante cose: fra l'altro, sono stufi di aver perso la passione politica. Qualcuno gliel'ha sottratta, carpita con sotterfugi od operando dietro le quinte. Comunque sia, non c'è più. Per questo, abbiamo mollato la presa e lasciato che un'oligarchia di poteri forti prendesse le redini del Paese.

Questa non è più la logica del 'meno peggio': siamo passati direttamente a quella del 'fate vobis'...

9 commenti:

  1. Gianluigi27/3/12 17:10

    Ho solo paura che i "sacrifici" fatti serviranno per riapanere una situazione che il nuovo governo riporterà al collasso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto probabile, specialmente se i nuovi eletti saranno amici o amici-degli-amici degli attuali.
      Ma il problema è un altro: chi garantisce sulla bontà degli interventi attualmente in essere? E quindi sul buon esito di tali stringenti sacrifici? Quando il Paese sarà stato completamente svenduto (come ipotizzano in molti) alle banche e alle multinazionali come si fa a tornare indietro?

      Elimina
  2. ma anche già stufi di :
    sfigati se no hai la laurea prima dei 28 anni...
    niente sussidi se ci sediamo a mangiare speghetti al pomodoro...
    paccate di miliardi...
    sfigati quelli che guadagnano 500euro al mese...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Robe', conosco decine di ragazzi e ragazze laureati ben prima dei 28 anni, molti di loro già conn la seconda laurea nel CV. E che se ne son fatti? Gente bravissima, volenterosissima, disperatamente in cerca di qualcuno che li sfrutti per 400 euro al mese...!
      Sì, in effetti certi frasi buttate lì con superficialità hanno fatto male. Tanto più se pensi che chi le ha pronunciate è lontano anni luce da quelle situazioni: se pensavamo che i parlamentari arricchiti non vedessero più i problemi della vita reale, figuriamoci chi non ha avuto bisogno delle ruberie parlamentari...

      Elimina
    2. in effetti mi hai aiutato a capire meglio la situazione: chi non ha avuto bisogno delle ruberie è ancora più lontano dalla nostra realtà.Con l'arroganza dei primi della classe.

      Elimina
    3. Era qualcosa che avevamo già capito, no...?

      Elimina
  3. Gianluigi28/3/12 09:53

    verissimo. Vorrei sapere come fanno a dire: "non ci saranno licenziamenti" oppure "pagheremo meno tasse" o ancora "pensioni più basse e lontane per assunzione dei giovani"...chi garantisce che non licenzierianno? chi garantisce (come in effetti sta accadendo) che i soldi rispiarmiati siano utilizzati per altri scopi fuorchè l'abbassamento della pressione fiscale? chi garantisce ste famose assunzioni dei giovani visto che io li veedo a spasso perchè i loro padri non possono liberare il loro posto perchè devono lavorare più anni?

    RispondiElimina

Etichette

2012 (1) abruzzo (8) adsl (1) aforismi (1) africa (3) agricoltura (1) al qaeda (1) al servizio del paese (2) alberi (2) alemanno (1) alfano (7) alieni (2) amato (1) ambiente (1) amici (1) amnistia (2) andreotti (1) anni '70 (2) anni 70 (1) annozero (3) ansa (1) antifascismo (1) anziani (1) aparthaid (1) apocalisse (1) ateobus (1) ballarò (1) bambini (2) banche (2) bce (1) benigni (1) benvenuto (1) beppe grillo (2) berlusconi (99) bersani (3) bertolaso (1) bier (1) blog (9) bondi (1) bongiorno (2) bonolis (6) borsa (5) borsellino (2) bracciano (2) brunetta (2) bullismo (1) bush (4) busi (1) caffarra (1) calcio (3) calcioscommesse (1) calendario (1) camorra (5) cancellieri (1) cane (1) canzoni (2) carcere (4) carosello (2) casalinga (1) cassazione (2) castelli (1) catricalà (2) cerchi nel grano (1) chiesa (4) cina (1) cinema (1) colonna (1) come ci prendono in giro (2) comici (1) commenti (1) comunicattivo (1) con pietro grasso (1) conpietrograsso (1) conso (1) contraccezione (1) coraggio (1) corruzione (6) corteo (1) costi (2) costituzione (7) crisi economica (42) cristina bozzi (1) crop circles (1) destra (1) di pietro (1) dio (3) dipendenza (1) diritti umani (1) discorso (1) dissenso (1) dittatura (1) dolore (1) donne (2) draghi (1) ecologia (2) economia (1) educazione (1) elezioni (4) elezioni europee (2) elezioni regionali (2) elisa (1) eluana englaro (2) emilia romagna (1) emozioni (1) equitalia (1) etichette (1) euro (2) europa (2) evasione fiscale (4) f35 (2) facebook (2) falcone (2) fantacronache (5) fantascienza (1) fascismo (2) febbre suina (2) festa del lavoro (1) festival (14) film (5) filmato (1) fine del mondo (1) fini (5) flick (1) follia (1) fonti energetiche (1) forza (1) fracking (1) g8 (4) gabanelli (2) gelmini (2) ghedini (1) giappone (1) giornalismo (2) giovani (1) giustizia (8) google (1) governabilità (1) governo (10) grasso (2) gratteri (1) grecia (2) grillo (2) guerra (9) il fatto quotidiano (1) immigrazione (3) immunità (1) impiegati statali (1) influenza (1) informazione (3) ingiustizie (2) ingovernabilità (1) ingroia (1) intercettazioni (4) internet (5) italia (28) iva (1) kamikaze (1) la russa (1) lega (4) letizia (1) letta (3) libertà (2) libri (1) limiti (1) liste elettorali (1) lodo alfano (7) maddalena (1) mafia (15) magistratura (6) maltempo (1) mancuso (1) mandela (1) manovra economica (7) maroni (2) massoneria (1) mastella (1) matheson (1) matrimonio (1) mccain (1) media (3) mediaset (2) mentana (1) meraviglioso (1) mercati (6) minzolini (1) misteri (3) momenti bui (3) mondo (2) monti (14) morte (3) morti (2) musica (4) napolitano (12) natale (4) nazisti (1) negro (1) nobel (1) nome (1) obama (8) odio (1) onu (1) orto (1) osama bin laden (1) pace (1) papa (4) parigi (1) partiti (1) partito democratico (1) pasqua (1) passato (1) paura (2) pc (1) pd (5) pensieri leggeri (1) pensiero unico (1) personale (85) petrolio (1) piano-casa (1) politica (137) poliziotti infiltrati (1) poveri (2) presidente (1) privacy (1) profezia maya (1) prostituzione (1) pubblica amministrazione (2) pubblici dipendenti (2) pulcino (1) queen (2) quiz (1) racconto breve (21) radio (1) rai (3) rapporto EIU (1) ratzinger (1) referendum (2) religione (2) renzi (5) report (2) resistenza (2) responsabilità (1) retata (1) rifiuti (1) righetti (1) rinascita (1) ringhio (1) roberto ruocco (1) roma (3) russia (1) saggi (1) sanremo (14) santoro (1) saviano (2) scandalo (2) schifani (2) scudo fiscale (1) scuola (4) scuse (1) se stessi (1) segreti di stato (3) senato (1) sesso (1) shore (1) sicurezza (4) signore degli anelli (1) simboli (1) sinfonia (1) sinistra (4) social card (1) società (1) soldi (4) sole (1) sondaggio (1) spread (5) squadra (1) stato (1) tangentopoli (5) tav (1) telecom italia (2) televisione (1) televoto (3) terra (4) terremoto (11) terrorismo (3) tevere (2) tifo (1) tornatore (1) travaglio (1) tremonti (6) treni (1) trenitalia (1) trilussa (1) tv (4) ufo (1) umanità (2) una scelta di vita (1) uomini (2) uomo (4) usa (10) valori (1) vaticano (2) vauro (1) veltroni (1) verità (1) vezzali (1) viareggio (1) vicenda umana (4) video (1) violenza (2) vita (17) vittoria (1) volontà (1) volontari (1) wall street (1) wikileaks (1) zawahiri (1)

DISCLAIMER

LE IMMAGINI QUI RIPRODOTTE SONO PER LO PIÙ PRESE DA INTERNET E NON FINALIZZATE A SCOPO DI LUCRO. SARANNO RIMOSSE IMMEDIATAMENTE IN CASO DI LAMENTELE DA PARTE DEGLI AUTORI.