QUESTO BLOG È ESPRESSIONE DEL LIBERO PENSIERO, GARANTITO E TUTELATO DAGLI ARTICOLI 3 E 21 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA E NON INTENDE PROMUOVERE ALCUNA CAMPAGNA DI INCITAMENTO ALL'ODIO E ALLA VIOLENZA. PERTANTO SI DIFFIDANO LE AUTORITÀ A INTRAPRENDERE AZIONI MIRANTI AL SUO OSCURAMENTO PERCHÈ ASSOLUTAMENTE INGIUSTIFICATE E, PARIMENTI, I LETTORI A FORMULARE COMMENTI CONTRASTANTI CON IL SUO INTENDIMENTO PERCHÈ ASSOLUTAMENTE INDESIDERATI.

giovedì 29 dicembre 2011

L'impressione è...


Dopo aver seguito la conferenza stampa di fine anno del presidente del Consiglio Mario Monti, l'impressione è che...

L'aspetto è al tempo stesso simpaticamente austero ed elegantemente gradevole. Il completo grigio chiaro, sobrio e lontano dallo scuro usualmente indossato 'di rigore' in queste occasioni, per non dire della divisa doppiopetto dell'illustre predecessore, che infonde agli occhi serietà non necessariamente in pompa magna.

Il gesto, limitato alle mani e raramente alle spalle, accompagna quasi sempre i momenti di maggiore approfondimento: seppur lento e mai brusco, lascia al premier un retaggio di italianità, benchè espresso con modalità accademiche, piuttosto che da banditore d'asta o da teleimbonitore.

Il discorso è lineare come può esserlo un discorso 'a braccio', anche quando il dettaglio o la specificità del tema costringe alla lettura di spezzoni di appunti redatti dagli uffici dei suoi ministri. Con qualche anacoluto semmai, qualche sospensione, molti 'ehm' come pausa per introdurre il periodo o il concetto successivo o la parola migliore da usare. Quasi privo di slogan, ma quel paio che sempre vengono buttati dentro alla frase (dopo il "Salva-Italia", oggi è stata la volta del "Cresci-Italia") sembrano scientificamente studiati a tavolino per indurre e suggerire la sistesi giornalistica del titolone del giorno successivo.

Il tono è sempre molto riflessivo e questo è un gran passo avanti rispetto al passato: non ci sono discorsi imparati a memoria, nè specchiati, imbanditi e apparecchiati alla perfezione; semmai c'è sempre l'idea dello sforzo alla migliore esposizione, della concentrazione di chi pondera e non recita un copione andato a memoria. Tranne in un caso: quando Monti replica direttamente a qualche allusione o insidia nascosta fra le pieghe di una domanda o di un'affermazione. In questi casi, il ricorso allo humor e all'ironia è obbligatorio nello stile montiano, con dispiegamento di ottime affilature e vetriolo d'annata nei vocaboli scelti per le risposte.

Anche le stoccate al suo predecessore sono indorate da modi eleganti nell'affondare il colpo. Rigorosamente di fioretto. Quando, per esempio, citando una frase di Berlusconi della conferenza stampa di fine 2010, Monti attrae l'attenzione della platea anticipando la sua totale sintonia con le parole del suo predecessore che tuttavia, prima di citare, gli offrono l'occasione (guarda un po') per citarne altre, proferite da Berlusconi poco prima di quelle da lui condivise, relative alla non cenessità di una manovra per aggiustare i conti dell'Italia ("io ne ho fatte cinque", gongola il professore). Che poi definisce i suoi toni, paragonandoli a quelli del Berlusca, come "comunicativamente meno trasmettitori di entusiasmo".

Ora questo (e tanto, tanto altro) costituiscono la forma. E nulla di tutto ciò ci autorizza a pensare che dietro ad una rottura tanto netta col passato nel modo di porsi all'opinione pubblica possa celarsi un futuro più roseo. Chi dice che non potrebbe essere addirittura peggiore? Chi dice che il web-pensiero che dipinge Monti come l'uomo del Gruppo Bilderberg, la longa mano delle banche e dei poteri forti non sia nel giusto? I posteri... solo i posteri daranno (e neanche fra molto) una risposta a questi interrogativi. Per ora, nel merito di quanto detto oggi, più che un'impressione, una doverosa puntualizzazione, presidente Monti:

MONTI, FAR CAPIRE SFORZI RISANAMENTO DOPO ANNI 'SURFING' (2)
(ANSA) - ROMA, 29 DIC - ''Il governo sta lavorando per dare
una speranza di futuro su basi meno effimere di quelle che tante
volte nel passato hanno caratterizzato il 'surfing' degli
italiani verso un'apparenza di benessere con onde sempre piu'
alte che andavano a travolgere le nuove generazioni''. Lo ha
detto il premier, Mario Monti, durante la conferenza stampa di
fine anno.
(ANSA).
PDA
29-DIC-11 13:19
Non credo siano state le aspettative nè le aspirazioni degli italiani ad una vita migliore e al benessere a sollevare le "onde sempre più alte che andavano a travolgere le nuove generazioni". Almeno non quelle della quasi totalità dei cittadini. Per quelle onde a cui lei fa riferimento dovrebbe probabilmente gettare lo sguardo e puntare il dito verso quella ridotta ma infestante casta di parassiti politici per per anni hanno razziato e saccheggiato a piene mani le risorse del Paese (e a trecentosessanta gradi!) per interesse personale o dei partiti. Non guardi noi, presidente.

sabato 24 dicembre 2011

Buon Natale... per carità!


            A
            chi
            ama
            dormire
             ma si sveglia
sempre di buon
umore, a chi saluta
ancora con un bacio, a
chi lavora molto e si diverte di
più, a chi va in fretta in auto ma 
non suona ai semafori, a chi arriva
in ritardo ma non cerca scuse, a chi spegne
la televisione per fare due chiacchiere, a chi è
felice il doppio quando fa a metà, a chi si alza presto
per aiutare un amico, a chi ha l'entusiasmo di un bambino
e pensieri da uomo, a chi vede nero solo quando è buio
a chi non aspetta Natale
PER ESSERE MIGLIORE

E a chi - aggiungo io - nella redazione del Periodico del Comune di Empoli (a cui l'ho rubata) ha avuto questa semplice ma al tempo stesso bella ed efficace idea per comunicare agli altri il suo augurio di un BUON E SERENO NATALE!

mercoledì 21 dicembre 2011

Caro Napolitano ti scrivo, così mi indigno un po'

NAPOLITANO, NUOVO GOVERNO FUORI DA BINARI TRADIZIONALI
FORMATO DA PERSONE INDIPENDENTI SENZA CALCOLI POLITICI
   (ANSA) - ROMA, 21 DIC - ''Il nuovo governo e' nato fuori dai
binari tradizionali della normale alternanza ed e'
caratterizzato dalla presenza di personalita' indipendenti, che
hanno accettato di mettersi al servizio del Paese al di fuori da
calcoli personali o di partito''. Lo ha detto il presidente
della Repubblica, Giorgio Napolitano, nella videoconferenza per
i saluti ai militari italiani impegnati in missioni all'estero. (ANSA).      
NE/FV
21-DIC-11 12:33

Caro Presidente,
dopo aver letto la Sua dichiarazione, pur senza alcun intento polemico verso la Sua persona e l'istituzione da Lei rappresentata, non posso non soffermare la mia attenzione su un punto che ritengo fondamentale: come cittadino italiano (ma anche soltanto come persona onesta) mi aspetto che un governo sia "caratterizzato dalla presenza di personalità indipendenti", "al servizio del Paese", "al di fuori da calcoli personali o di partito" e che questo rappresenti assolutamente la normalità. Non vorrei nè potrei aspettarmi niente di meno (neanche una briciola di meno) da una classe politica scelta (anche se, con l'attuale legge elettorale, dovrei dire 'teoricamente scelta') da 60 milioni di cittadini proprio allo scopo di guidare il Paese, nonchè da istituzioni e un governo che sono diretta espressione di essa. Una puntualizzazione sul fatto che il profilo dell'attuale governo corrisponda ai requisiti suddetti è motivo, per me, di profonda tristezza e preoccupazione. E credo sia motivo di sdegno per tutti gli italiani onesti.
Cordialmente.

Marcus

venerdì 16 dicembre 2011

Caro Babbo Natale...

Due notizie apparse ieri sulle agenzie di stampa per una riflessione sulle imminenti festività natalizie che stanno per travolgerci. Più che altro, per un appello.

*Guinness/ La donna più piccola al mondo è una indiana di 62,8 cm
Jyoti Amge dimostra circa un anno, invece ne ha 18
Nagpur, 16 dic. (TMNews) - A guardarla sembra una bambina di
circa 1 anno, invece Jyoti Amge ne ha 18 e in occasione della sua
festa di compleanno a Nagpur, 520 chilometri a est di Mumbay,
India occidentale, ha ricevuto il certificato del Guinness dei
primati, che la riconosce come la "donna vivente più piccola al
mondo".
"Misura 62,8 centimetri di altezza. E' stata misurata tre volte
nelle ultime 24 ore, perchè la taglia può variare leggermente nel
corso della giornata", ha spiegato Rob Molloy, funzionario del
Guinness dei primati.
Jyoti, con indosso un tradizionale sari, ha ricevuto il titolo
sotto lo sguardo del padre Kisan e della madre Ranjana: "Sono
molto felice di detenere il record", ha dichiarato la donna, che
soffre di "acondroplasia", una forma di nanismo, e sogna -
secondo il padre - di fare l'attrice a Bollywood.
L'indiana batte la precedente detentrice del titolo di piccola
donna vivente più piccola al mondo, l'americana Bidgette Jordan,
originaria dell'Illinois e alta 69,49 centimetri.
(fonte Afp)
Cuc
16-DIC-11 10:42

CEI: MESSA BAGNASCO PER SENATORI E DEPUTATI IN VISTA NATALE
MARTEDI' 20 DICEMBRE NELLA CHIESA DI S.MARIA SOPRA MINERVA
   (ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il cardinale Angelo Bagnasco,
arcivescovo di Genova e presidente della Cei, celebrera'
martedi' prossimo, 20 dicembre, alle 20.00 nella romana chiesa
di Santa Maria sopra Minerva, una messa nell'imminenza del
Natale per i senatori e i deputati della Repubblica italiana. Lo
fa sapere una nota della Conferenza Episcopale Italiana. (ANSA).
     GR
16-DIC-11 11:06

Caro Babbo Natale,
ma possibile che anche fra gli sfigati del mondo debbano esserci i più sfigati degli sfigati, come la povera Bidgette??? E poi, che fine hanno fatto le parole di quel Tale (il tuo alter ego cristiano, per capirci) che una volta disse di essere venuto per consolare e portare speranza agli ultimi del mondo? Ma possibile che nessuno in quelle stanze dorate (e senza ICI...!) senta veramente il bisogno di aprire le porte (per una volta...) a quegli ultimi-ultimi, invece che a quei soliti noti? E, almeno a Natale, di regalare loro una briciola fatta sostanza e non la solita sporta di chiacchiere ipocrite?

Puoi fare qualcosa almeno tu, caro Babbo Natale...? Grazie! E buon Natale anche a te!

lunedì 5 dicembre 2011

Salva-Italia: le 4 promesse di Monti

In una sala stampa lontana anni luce - in tutti i sensi - da quella di berlusconiana memoria, il governo ha illustrato la sua ricetta per salvare l'Italia dal fallimento. Visto quello a cui eravamo abituati, già la convocazione di un Consiglio dei ministri domenicale era sembrata un fatto inusuale, figuriamoci la successiva conferenza stampa-fiume che per toni e livello ha dato l'impressione di una lezione universitaria, se paragonata alle imbarazzanti esibizioni della precedente compagine governativa.

Tralasciando per ora qualsiasi giudizio di merito sui provvedimenti varati e su quante lacrime (oltre quelle della ministra Fornero) e sangue costringeranno tutti noi cittadini a versare (certo che forse si poteva avere un po' più di coraggio nel tassare all'1,5% i capitali dei soliti furbi che rientrano scudati in Italia!), voglio soffermarmi invece sui quattro impegni che Monti e i suoi ministri hanno promesso al Paese fra le righe della presentazione della manovra.

Il primo lo ha preso proprio la ministra Fornero, che ha promesso un intervento del governo per ridisegnare il mercato del lavoro: intervento strettamente collegato alla riforma delle pensioni prevista subito, ma che, a suo dire, sarà necessariamente attuato in un momento successivo, considerata l'urgenza di dover uscire al più presto dalla grave situazione economica attuale.

Il secondo impegno riguarda gli interventi annunciati in favore delle famiglie: anche questi - ha spiegato il responsabile dei Rapporti col Parlamento Giarda - sono stati promessi in un secondo momento e andranno in qualche modo a compensare il ripristino dell'ICI sulla prima casa. La domanda però, in entrambi i casi, è la stessa: e se il governo non ce la facesse a realizzare questa seconda parte del piano? Che succede se dovesse cadere prima? Se la risposta dei mercati internazionali alla nostra manovra non è positiva? Se gli accordi fra i leader dei partiti stretti sottobanco (o al riparo dei tunnel!) convergessero per un termine del governo non legato agli obiettivi prefissati da Monti, ma ad un mero calcolo politico finalizzato alla perpetuazione del potere partitocratico e alla salvaguardia del bacino elettorale?

La terza promessa riguarda una conseguenza diretta della tracciabilità dei pagamenti: ha spiegato infatti il vice ministro Grilli che la previsione anti-evasione che imporrà il tetto di mille euro ai pagamenti in contanti dovrà necessariamente portare con sé la cancellazione di ogni tipo di commissione bancaria finora prevista su questo tipo di operazione. Anche qui, l'auspicio è che l'intervento promesso ci sia: non vorremmo ritrovarci a dover obbligatoriamente usare il denaro elettronico e al contempo continuare a sottostare ai latrocinii imposti da sempre dalle banche.

La quarta promessa riguarda Monti e il suo futuro. Rispondendo alla domanda diretta di un giornalista, il premier ha spiegato: finito il mio compito, ne avrò abbastanza con la politica. Siamo passati dal 'potere che logora' di andreottiana memoria, al logoramento dovuto alla responsabilità di dover guidare il Paese in un momento tanto difficile. Bah, sarà... Anche in questo caso però, come nel caso delle tre promesse precedenti, non resta che augurarsi che sia vero!

giovedì 1 dicembre 2011

WikiLeaks mette online la mappa degli Spy Files

http://wikileaks.org/The-Spyfiles-The-Map.html
"L'intercettazione di massa di intere popolazioni non è solo una realtà, è una nuova industria segreta che copre 25 Paesi". E' senza mezzi termini l'ultimo scoop di WikiLeaks: si intitola Spy Files e deflagra come una bomba sulla homepage del sito di Julian Assange. Ma soprattutto riguarda tutti noi. Tutti noi che quotidianamente e usualmente navighiamo su internet, parliamo al cellulare, inviamo email e sms ed utilizziamo i navigatori satellitari.

L'inchiesta - realizzata in partnership con il Bureau of Investigative Journalism (BIJ), Privacy International (organizzazione britannica che si batte per il rispetto della privacy) e altri enti fra cui testate giornalistiche come The Washington Post e L'Espresso - denuncia l'uso e l'abuso che società specializzate fanno, per venderle al migliore offerente, di strumenti avanzatissimi e sofisticate tecnologie in grado di assumere il controllo di computer e cellulari, registrando ogni utilizzo, movimento, immagine e suono del luogo in cui si trovano.

Il sito pubblica i nomi di 130 aziende di stanza in 25 Paesi in tutto il mondo: "Una fiorente industria internazionale - spiega Assange presentando la sua inchiesta - che fornisce ai servizi segreti degli Stati apparecchiature capaci di sorvegliare intere masse di persone. Quelle aziende ora stanno esportando i loro prodotti in giro per il mondo in modo incontrollato". Prodotti, offerti spesso al miglior offerente, in grado di monitorare email, sms e telefonate "di un'intera popolazione" e che - assicura il guru di WikiLeaks - se in possesso di mani sbagliate possono essere letali "quanto un proiettile".

WikiLeaks e gli altri partner hanno rintracciato quanto più materiale possibile per identificare i nomi di queste società e descrivere i servizi che sono in grado di offrire. Di più: hanno pubblicato una mappa dettagliatissima degli spioni, divisa per tipologia di sistema usato e per nazione di appartenenza. Un affare che vale oltre 5 miliardi di dollari e di cui pochi sapevano: perchè "la gente comune e la stampa non è ammessa", conclude l'inchiesta.

Etichette

2012 (1) abruzzo (8) adsl (1) aforismi (1) africa (3) agricoltura (1) al qaeda (1) al servizio del paese (2) alberi (2) alemanno (1) alfano (7) alieni (2) amato (1) ambiente (1) amici (1) amnistia (2) andreotti (1) anni '70 (2) anni 70 (1) annozero (3) ansa (1) antifascismo (1) anziani (1) aparthaid (1) apocalisse (1) ateobus (1) ballarò (1) bambini (2) banche (2) bce (1) benigni (1) benvenuto (1) beppe grillo (2) berlusconi (99) bersani (3) bertolaso (1) bier (1) blog (9) bondi (1) bongiorno (2) bonolis (6) borsa (5) borsellino (2) bracciano (2) brunetta (2) bullismo (1) bush (4) busi (1) caffarra (1) calcio (3) calcioscommesse (1) calendario (1) camorra (5) cancellieri (1) cane (1) canzoni (2) carcere (4) carosello (2) casalinga (1) cassazione (2) castelli (1) catricalà (2) cerchi nel grano (1) chiesa (4) cina (1) cinema (1) colonna (1) come ci prendono in giro (2) comici (1) commenti (1) comunicattivo (1) con pietro grasso (1) conpietrograsso (1) conso (1) contraccezione (1) coraggio (1) corruzione (6) corteo (1) costi (2) costituzione (7) crisi economica (42) cristina bozzi (1) crop circles (1) destra (1) di pietro (1) dio (3) dipendenza (1) diritti umani (1) discorso (1) dissenso (1) dittatura (1) dolore (1) donne (2) draghi (1) ecologia (2) economia (1) educazione (1) elezioni (4) elezioni europee (2) elezioni regionali (2) elisa (1) eluana englaro (2) emilia romagna (1) emozioni (1) equitalia (1) etichette (1) euro (2) europa (2) evasione fiscale (4) f35 (2) facebook (2) falcone (2) fantacronache (5) fantascienza (1) fascismo (2) febbre suina (2) festa del lavoro (1) festival (14) film (5) filmato (1) fine del mondo (1) fini (5) flick (1) follia (1) fonti energetiche (1) forza (1) fracking (1) g8 (4) gabanelli (2) gelmini (2) ghedini (1) giappone (1) giornalismo (2) giovani (1) giustizia (8) google (1) governabilità (1) governo (10) grasso (2) gratteri (1) grecia (2) grillo (2) guerra (9) il fatto quotidiano (1) immigrazione (3) immunità (1) impiegati statali (1) influenza (1) informazione (3) ingiustizie (2) ingovernabilità (1) ingroia (1) intercettazioni (4) internet (5) italia (28) iva (1) kamikaze (1) la russa (1) lega (4) letizia (1) letta (3) libertà (2) libri (1) limiti (1) liste elettorali (1) lodo alfano (7) maddalena (1) mafia (15) magistratura (6) maltempo (1) mancuso (1) mandela (1) manovra economica (7) maroni (2) massoneria (1) mastella (1) matheson (1) matrimonio (1) mccain (1) media (3) mediaset (2) mentana (1) meraviglioso (1) mercati (6) minzolini (1) misteri (3) momenti bui (3) mondo (2) monti (14) morte (3) morti (2) musica (4) napolitano (12) natale (4) nazisti (1) negro (1) nobel (1) nome (1) obama (8) odio (1) onu (1) orto (1) osama bin laden (1) pace (1) papa (4) parigi (1) partiti (1) partito democratico (1) pasqua (1) passato (1) paura (2) pc (1) pd (5) pensieri leggeri (1) pensiero unico (1) personale (85) petrolio (1) piano-casa (1) politica (137) poliziotti infiltrati (1) poveri (2) presidente (1) privacy (1) profezia maya (1) prostituzione (1) pubblica amministrazione (2) pubblici dipendenti (2) pulcino (1) queen (2) quiz (1) racconto breve (21) radio (1) rai (3) rapporto EIU (1) ratzinger (1) referendum (2) religione (2) renzi (5) report (2) resistenza (2) responsabilità (1) retata (1) rifiuti (1) righetti (1) rinascita (1) ringhio (1) roberto ruocco (1) roma (3) russia (1) saggi (1) sanremo (14) santoro (1) saviano (2) scandalo (2) schifani (2) scudo fiscale (1) scuola (4) scuse (1) se stessi (1) segreti di stato (3) senato (1) sesso (1) shore (1) sicurezza (4) signore degli anelli (1) simboli (1) sinfonia (1) sinistra (4) social card (1) società (1) soldi (4) sole (1) sondaggio (1) spread (5) squadra (1) stato (1) tangentopoli (5) tav (1) telecom italia (2) televisione (1) televoto (3) terra (4) terremoto (11) terrorismo (3) tevere (2) tifo (1) tornatore (1) travaglio (1) tremonti (6) treni (1) trenitalia (1) trilussa (1) tv (4) ufo (1) umanità (2) una scelta di vita (1) uomini (2) uomo (4) usa (10) valori (1) vaticano (2) vauro (1) veltroni (1) verità (1) vezzali (1) viareggio (1) vicenda umana (4) video (1) violenza (2) vita (17) vittoria (1) volontà (1) volontari (1) wall street (1) wikileaks (1) zawahiri (1)

DISCLAIMER

LE IMMAGINI QUI RIPRODOTTE SONO PER LO PIÙ PRESE DA INTERNET E NON FINALIZZATE A SCOPO DI LUCRO. SARANNO RIMOSSE IMMEDIATAMENTE IN CASO DI LAMENTELE DA PARTE DEGLI AUTORI.