Italia: che Pil sarebbe senza la mafia!

Ferragosto, tempo di mare e di grandi abbuffate sotto il solleone. Per i romani è tradizionalmente tempo di pollo con peperoni e fette di cocomero gelato, da mangiarsi rigorosamente in spiaggia e in gran compagnia. Ma N.T.S.R.: non tutti sono romani. Anzi qualcuno, con tipica efficienza nordica, il giorno di Ferragosto lavora. E lo fa pure in trasferta.

Come il ministro dell'Interno Maroni, che, da buon leghista, non ama gozzovigliare nè perder tempo con riti tanto popolari, al limite del terrone. A Ferragosto, come ogni anno, riunisce il comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza. Quest'anno è andato a Palermo, per fare il punto sulla "lotta alla criminalità organizzata e per illustrare i risultati assolutamente lusinghieri raggiunti in questi due ultimi anni".

Fra i dati snocciolati ai giornalisti presenti, ci sono quelli sui beni sottratti alle organizzazioni criminali: "Sono stati sequestrati e confiscati alla mafia beni per 14,9 miliardi di euro. Il totale dei beni sequestrati e confiscati è di 32.799: di cui 27.641 (12,8 mld di controvalore) sono beni sequestrati e 5.388 (2,1 mld di euro) sono costituiti da beni confiscati dallo Stato".

Quasi quindici miliardi di euro sono stati sottratti, quindi, dallo Stato alle mafie di tutti i generi e tipi in due anni di governo Berlusconi. Quindici miliardi circa che sarebbero finiti nelle tasche dell'erario. E se lo Stato siamo noi, anche nelle nostre tasche (pare vero...)!

Fanno sette miliardi e mezzo ad anno e la tendenza, spiegano i nostri ministri, è in aumento. Paragonati ai 24,9 miliardi di euro della manovra economica (però anticrisi...!) prevista dal governo e approvata dal Parlamento una ventina di giorni fa, fanno quasi il 60% di quanto Tremonti e soci hanno deciso di raschiare dalle tasche degli italiani (quelli onesti... quelli che pagano sempre!).

Ora capisco perchè Berlusconi continua a ripetere (qui, qui e anche qui, ad esempio) che, sulla crisi economica, l'Italia è messa meglio degli altri Paesi europei... Cosa nostra, 'ndrangheta, camorra, sacra corona e - new entry - mafia cinese... Nessun altro Paese europeo (e forse mondiale) può vantare tanti contribuenti così tanto benestanti!

Senza i proventi della lotta a tutte le forme di criminalità organizzata, il governo avrebbe dovuto varare una manovra economica certamente molto più salata: almeno il 50% in più dell'attuale. E poi dice che Berlusconi non deve ringraziare la mafia...!

Commenti

  1. A quanto pare, direi proprio di si.
    Bel post!!!

    RispondiElimina

Posta un commento