H1N1 e influenza mediatica
(ovvero, febbre suina faceva troppo ridere!)


Sulla febbre suina, leggi anche:

Ho sognato di non voler vaccinare né mio figlio né la mia famiglia contro l'ormai arcinoto virus H1N1 e l'influenza prossima ventura.

Ho sognato di non riuscire a fidarmi di un clima allarmistico diventato improvvisamente terroristico; di un'informazione dal tono monocorde e quasi intimidatorio; di un sodalizio - quello che lega medici e medicina ufficiale alle case farmaceutiche – che nell'ultimo secolo è apparso sempre più ripiegato su se stesso e su un sospetto oscurantismo di comodo piuttosto che impegnato a perseguire le vie della ricerca e dell'allargamento dei confini della scienza e della conoscenza.

Ho sognato di non potermi fidare di chi ci parla da un anno di un'influenza che ha fatto il salto da animale a uomo, che si diffonderà rapidamente facendo migliaia di morti, per arrivare alla fine ad essere pandemica. Sto ancora aspettando i milioni di malati e le migliaia di vittime dell'aviaria e prima ancora della Sars: qualcuno ne ha più sentito parlare? Eppure, quella malattia che anni fa sembrava dovesse mietere chissà quante vittime in Cina pare abbia finora contagiato solo le pagine dei giornali e i servizi dei tg...

Ho sognato che qualcuno lanciava l'allarme: “il virus dell'H1N1 sta per mutare!”. E ricordo di aver pensato: che ci facciamo, allora, con tutte le scorte dei vaccini che le case farmaceutiche mondiali stanno finendo di testare per essere immesse in commercio alla fine di ottobre?

Ho sognato che qualcun altro, parlando a nome della medicina mondiale, annunciava allarmato: “la nuova influenza pandemica arriverà in Europa subito dopo l'estate!”. Neanche fosse uno dei nuovi treni ad alta velocità o un pacco postale affidato alle sapienti e puntuali mani dell'UPS... E poi, ancora: “milioni saranno i soggetti che contrarranno il virus, oltre 30milioni solo in Italia!”. Già, e cosa ci sarebbe di tanto diverso rispetto alla stagionale influenza che anno dopo anno colpisce le diverse zone del pianeta al cominciare dei primi freddi facendo, come è successo lo scorso anno, circa 8.000 morti?

Come strideva, nel sogno, quella singolare coincidenza fra la previsione dell'arrivo della pandemia in autunno e il rilascio dei miliardi di dosi di vaccino tra la fine di ottobre e l'inizio di novembre e poi ancora, di nuovo, il nuovo rilancio già previsto per febbraio... Ricordo di aver pensato, sempre nel sogno: non è che la pandemia la porterà proprio il vaccino? Cosa diavolo ne so di quel che contiene quella fialetta che sarà a disposizione di chiunque e che tutti sono apertamente, caldamente e fortemente invitati a farsi inoculare?

Potrebbe trattarsi di semplice acqua fresca: un modo come un altro per le case farmaceutiche per fare un sacco di soldi e magari fare fifty-fifty con i principali governi del mondo. E questa sarebbe una verità alquanto auspicabile rispetto ad altre che mi son venute in sogno. Per quel che mi riguarda, infatti – pensavo nel corso del sogno – il vaccino potrebbe contenere anche un virus appositamente fabbricato in laboratorio per decimare la popolazione mondiale, con la scusa di una nuova e ben più terribile “australiana”, allo scopo di porre fine in modo netto (e per un bel numero di anni) alla devastante crisi economica che ha iniziato a far ben altre stragi in tutti i principali Paesi del “primo mondo”. Con il che, si eviterebbe anche il possibile (c'è chi pensa probabile) bagno di sangue dovuto alle rivolte delle popolazioni ridotte alla fame e alla miseria contro i rispettivi governi.

E come preparare al meglio il popolo, se non con abbondanti e ripetuti allarmi, agitando in lungo e in largo nei notiziari dei tg e delle principali trasmissioni radio e tv lo spettro di una pandemia che colpirà milioni di persone in tutto il mondo, dando voce più possibile a specialisti del settore e a responsabili nazionali per l'emergenza H1N1? Se andiamo a guardare nei servizi dei tg degli ultimi due mesi – ragionavo sempre nel sogno – due sono stati gli argomenti di cui si è parlato ogni giorno: la nuova influenza e il Superenalotto! Addirittura a quest'ultimo il Tg1 ha dedicato il sottopancia fisso per tutta la durata dell'edizione serale: la chiamano “informazione di servizio”!

Ricordo con chiarezza di aver anche sorriso al pensiero di altre due singolari e clamorose coincidenze: quella che ha visto andare in tutte le edicole italiane, nei primi giorni di ribalta internazionale della malattia (ricordate la storia dei maiali ammalati in Messico?), la riproposizione in dvd del famoso sceneggiato prodotto dalla BBC negli anni '70 “I sopravvissuti”, insieme all'altra che riguarda la messa in onda, questa sera su Raitre, in prima serata, della prima puntata del rifacimento 2008 di quello stesso serial, “Survivors”. Curioso, no? Un consiglio: questa sera guardate con attenzione la sigla iniziale del telefilm...

E cosa dire dell'Australia, dove l'impatto con la stagione invernale (e quindi con la pandemia) c'è già stato, a vaccino non ancora diffuso, e dove, come ha tenuto a precisare un cittadino-medico di base intervenuto telefonicamente due giorni fa alla trasmissione Radio Anch'io, chi ha contratto l'influenza se l'è cavata con 3-4 giorni di febbre, a letto, e ne è uscito per di più con gli anticorpi rafforzati in maniera naturale...

Ricordo anche, sul finir del sogno, un'altra riflessione: da un po' di giorni, sempre nei tg e in altre trasmissioni tv, girano servizi sul fatto che, stranamente, nelle farmacie italiane non si trovano più confezioni di alcun genere di Tamiflu, espressamente indicato come il medicinale che combatte l'H1N1: non se ne capisce la ragione, né si capisce quando torneranno sugli scaffali, dal momento che la casa farmaceutica interessata smentisce esaurimenti di scorte. Un po' come se si volesse a tutti i costi convincere la gente a curarsi preventivamente con il vaccino, piuttosto che attendere di essere contagiati dall'influenza e a quel punto curarsi, come si è sempre fatto, con la pasticchetta o lo sciroppo.

Insomma, meno male che si è trattato di un sogno, altrimenti chi avrebbe resistito a una situazione e a una tensione del genere?

Commenti

  1. ciao marco!
    volevo dirti che ho aggiunto il tuo blog al mio blogroll...spero ricambierari..;)
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  2. Sai, mi ricordo tanti allarmi del tipo: aiuto, i polli sono pieni di ormoni e fanno malissimo...Oddio, il pesce è pieno di piombo e non si può mangiare...Catastrofe, le vacche hanno il morbo, impazziscono e non si può più mangiare la fiorentina..Per dindirindina, l'aviaria ha colpito i polli già devastati dagli ormoni e non si possono mangiare più volatili....e ora ecco la febbre suina...che caspita di nome gli han dato se non è legata al mangiare la carne di maiale...Riflettevo sul post del Rock Poeta Daniele Verzetti il quale osservav giustamente che non ha fatto il tempo a usir fuori la febbre che taaaaaac ecco il vaccino....che sia l'ennesimo test, come ha sottolineato giustamente lui, per le famigerate guerre batteriologiche? noi cavie inconsapevoli di chissà quali giochini stile risiko di questi patetici governanti...Se avessero messo lo stesso impegno e la stessa celerità nel trovare un vaccino contro l'aids o i tumori così come hanno trovato il vaccino contro sta febbre, beh, direi che non dovremmo temere più nulla....Invece di queste piaghe continuiamo a morire, mentre per i loro giochini...la soluzione è a portata di vaccino...per carità, meglio così, ma che senso ha? Il problema è che viviamo in un mondo corrotto, dove ormai l'allarmismo fa parte del dna di questi burattinai che si spacciano per governanti...Onestamente non credo più a ciò che la tv o i giornali ci dicono, credo che ingigantiscano a dismisura la situazione, le situazioni, anzi, e a ciò che si dice, anche l'influenza classica, ogni hanno, se trascurata o se colpisce soggetti già di natura deboli, rischia di mietere vittime, o lasciare brutti segni...Quindi...forse, è meglio viaggiare tutti con una bilancia in tasca e pesare le notizie che ci vengono date, fare come con il latte fresco, scremarle, e dalla scrematura scindere quanto è notizia e quanto è realtà...
    E' grave tutto questo, e se qualcuno se ne rendesse conto, potrebbe anche capire che potrebbe trattarsi di un bel reato..procurato allarme...art.658 C.P.

    RispondiElimina
  3. Au ma sei sordo?
    Avantiiiiiiiii!!!
    è aperto!!!

    RispondiElimina
  4. Per Guerny:
    Ci sono, ci sono... da oggi ci sono. Ciao, amica mia! Buona ripresa anche a te!

    Per Debby:
    Ciao carissima! Già, le principali specie animali commestibili le hanno già fatte ammalare tutte. Interessante la riflessione sulla tempistica dei vaccini, quelli delle malattie di serie A e quelli su patologie minori (che però fanno milioni e milioni di vittime, al contrario dei primi!).
    Un bacio, amica mia!

    RispondiElimina
  5. Per dark:
    Eh? E che lasci aperto così? Può essere pericoloso, sai... Con tutti i pazzi che girano!!!
    Ciao, carissima! Sono di nuovo online da oggi. A presto!

    RispondiElimina
  6. hmhmhmhmhmh dici che mi dovrei guardare da te?
    muhauahuahauahauahaua
    no...lo sai che è aperto...
    Babbigno.

    (termine siculo/affettuoso che sta ad indicare scemotto)

    Oh Dio!
    Ti ho appena detto scemotto!
    O_O


    Bè...una volta tu, scambiando Latina(la città) per latino, la lingua...mi hai definita gnùrante...
    che è peggio!
    un noto puffo lo diceva sempre!

    Ma all'ora...da "gnùrante" ti ho ignorato...
    io....
    Anche perchè è una emerita fandonia!

    RispondiElimina
  7. a proposito di febbre suina, c'è rischio nelle crociere in questo momento; mi hanno detto che un intero equipaggio è stato sotto osservazione.

    RispondiElimina

Posta un commento