Cercando

Avrei bisogno di un buco nel cielo
per vedere il sole e le stelle,
perchè questo grigiume che ho dentro
non mi fa più volare lassù.

Avrei bisogno di un canto lontano,
di una voce sottile e piccina
da cercare, vedere, raggiungere
nel silenzio più puro che c'è.

Avrei bisogno di un pallido raggio
che mi dica: "Che scemo che sei,
non capisci che il bello del mondo
è che c'è anche senza di te!".

Ora, vedi: la vita che vivi
non ci aiuta a capire i perchè,
ma è un congegno sottile e supremo
che ti porti per sempre con te.

Commenti

  1. ohh bentornato, carina la poesia però è triste :)

    RispondiElimina
  2. Sai, il bello che c'è in ognuno lo puoi leggere dall'esterno. Praticamente, viene fuori da sè... La parte meno bella, che ti rende cupo, solo e triste, invece, non ce la fa: ha bisogno di mediazioni per uscire e sfogarsi all'esterno. Puoi farla accompagnare dalla rabbia, dall'odio, dalla violenza, dal menefreghismo, dall'alcool, dalle droghe... Oppure da altro. Che forse farà altrettanto male a te, ma di certo fa meno male a chi ti è vicino...
    E poi siamo umani, in un modo o nell'altro... Vinciamo e perdiamo, torniamo a vincere e a perdere... L'importante è non perdersi. Perchè, tanto... tutto passa.

    RispondiElimina

Posta un commento