Festival di Sanremo: buona la prima!

Alla fine è partita anche questa 59ma edizione del Festival della canzone italiana, la seconda diretta e condotta da Paolo Bonolis. E nonostante tutto, nonostante le polemiche sui compensi milionari, la vergogna del televoto della gara online, i deliri e i controdeliri sui gay, gli europarlamentari col microfono e il solito ambaradan che la kermesse sanremese porta con sé per il solo fatto di esistere, devo dire che la prima serata è filata via non solo senza intoppi né pause, ma anche in maniera più che gradevole.

Magari non sarà un'edizione di alto livello per quanto riguarda le canzoni presentate (almeno quelle dei big) e ancor meno per le voci ascoltate. Tuttavia, ad esser sinceri, lo spettacolo è risultato decisamente divertente, lontano anni luce dalla precedente esperienza festivaliera del Bonolis I di qualche tempo fa. Con alcuni Momenti clou di cui dirò fra poco.

Cominciamo da quello che era stato presentato come uno di questi: l'esibizione di Mina in apertura, sulle note del Nessun dorma pucciniano. Ebbene, forse un ritorno del genere avrebbe potuto essere curato in maniera migliore. Per carità, nessuna bestemmia sulla mitica voce di questa grande artista, che era e resta patrimonio inestimabile della nostra storia musicale. Però, possibile che non sia stato possibile accorgersi in sede di prove che la tonalità con la quale la celebre aria della Turandot veniva eseguita avrebbe potuto essere abbassata di un buon paio di semitoni, per evitare (a Mina e a noi) lo spiacevole effetto di una voce strozzata e affaticata? E poi, possibile che non fosse realizzabile un video di accompagnamento un po' meno banale? In fondo, ripercorrere la storia di Sanremo attraverso gli anni e i volti dei protagonisti non necessariamente deve somigliare al countdown di Capodanno...

E passiamo alle esibizioni dei big. Io le ho viste così.
DOLCENERA: voto 5+ (perchè era davvero carina... lei, la canzone un po' meno).
FAUSTO LEALI: voto 6 (brano carino, ma Father and son era un'altra cosa).
TRICARICO: voto 4 (e meno male che doveva essere una bella canzone... almeno le fragole sono buone!).
MARCO CARTA: voto 5 (ho l'impressione, purtroppo, che questa canzone farà il giro delle radio almeno fino all'estate).
PATTY PRAVO: voto 5,5 (coraggiosa la musica, ma la voce dell'ex ragazza del Piper si è persa).
MARCO MASINI: voto 7 (bravo Marco, bella canzone!).
FRANCESCO RENGA: voto 5,5 (ci ha abituato a ben altri pezzi, stavolta sembrava un gatto in calore...).
PUPO-BELLI-YOUSSUN 'NDUR: voto 4 (avete presente le canzonette che si suonavano all'oratorio ai tempi del catechismo?).
GEMELLI DIVERSI: voto 6 (ecco il nuovo tormentone del 2009: “Ce l'hai un attimo per me?”).
AL BANO: voto 5,5 (una bella romanza, ma decisamente non fa per lui).
AFTERHOURS: voto 5,5 (pezzo davvero diverso, ma perchè la voce è sempre più spesso un optional al Festival?).
IVA ZANICCHI: voto 4,5 (non si capisce davvero il motivo di questa canzone, né quello dell'intera operazione Zanicchi a Sanremo; il miglior ritorno lo avrà dalle battute a lei dedicate da Benigni!).
NIKY NICOLAI: voto 7,5 (brano sofisticato e d'atmosfera, forse troppo per il livello di quest'anno).
POVIA: voto 6,5 (peccato per tutte le polemiche e le dietrologie sul testo, perchè la canzone in fondo è piacevole e orecchiabile).
SAL DA VINCI: voto 5 (sceneggiata napoletana in salsa D'Alessio; per la serie “i nuovi cloni”!).
ALEXIA-LAVEZZI: voto 5,5 (l'impianto musicale di questa canzone è vecchio e superato; peccato per la grinta e la voce della sempre brava Alexia).

Dicevo dei Momenti clou della serata:
  • l'entrata di Laurenti sul palcoscenico del Teatro Ariston, sulle note di Sinatra (bellissima e trascinante);
  • la battuta di Benigni su Mina-Bin Laden (da sbellicarsi dalle risate);
  • la battuta di Bonolis su Al Bano-Velletri (che purtroppo avranno capito solo a Roma e provincia);
  • gli stacchetti musicali dell'orchestra (Rapsodia in blu e Smoke on the water da brivido).

Momenti bui. Fondamentalmente uno, riassunto nella domanda seguente: ma che lo paghi a fare un fonico professionista se per tutta la serata non si accorge che la musica sovrasta in tutto e per tutto la voce dei cantanti? O forse era un effetto voluto, visto lo scenario desolante delle voci espresse?

Ora la domanda è: riusciranno Bonolis e compagni a tenere per tutte e 4 le serate che restano?

Commenti

  1. accidenti... Mi son accorto che il titolo che ho messo io è uguale al tuo :( io conosco il tuo blog da stamane perchè cercavo "share di sanremo 2a puntata" ed eri nei primi posti. Credevo che fosse originale quando mi venne in mente :(:(
    Stavo pensando al programma di Ale e Franz "buona la prima" :(:(
    ma cmq ci sono migliaia di blog in rete e migliaia di combinazioni di titoli possibili, non potevo immaginare simile titolo :(

    RispondiElimina
  2. E' il bello di internet! Posta il link al tuo blog, comunque: più siamo e meglio è!

    RispondiElimina
  3. grazie, cmq basta che clicchi sul mio nick che ha il link inserito e trovi l'articolo :)
    cmq è qui grazie :) http://arrgianf.blogspot.com/2009/02/musica-sanremo-2009-buona-la-prima.html

    RispondiElimina
  4. Ma allora è vero che uno juventino e un interista possono dialogare in pace...! E sfatiamolo una volta per tutte!!!

    RispondiElimina
  5. ovvio no?:)
    Cmq piaciuto il mio post su sanremo?:)

    RispondiElimina
  6. Letto, apprezzato e concordato (ma solo in parte). Ho lasciato il mio commento lì da te...

    RispondiElimina
  7. ho visto grazie :):)
    ma come mai il trio non ti è piaciuto?

    RispondiElimina
  8. Se fai caso, nel ritornello ci sono due passaggi, due note che ricalcano il famoso pezzo di Bob Dylan che il catechismo, dopo averlo ri-parolato, ha portato in chiesa. Ho odiato fin da bambino questa appropriazione indebita... E risentirla mi ha dato fastidio. Poi sai, non mi piacciole le instant song, così come odio le speculazioni degli instant book!

    RispondiElimina
  9. boh.. non saprei... Fai l'esempio concreto non ho capito a quale ti riferisci canzone, anche perchè il genere di Bob dylan non mi piace molto.
    A proposito.. vedo che sei "addetto stampa ecc ecc" ma scrivi per un giornale?

    RispondiElimina
  10. Mi riferivo a Blowin' in the Wind, divenuto un pezzo forte nelle messe cantate e schitarrate negli anni '70... appunto dopo opportuna rivisitazione del testo.
    Anche, però mi occupo per lo più di informazione istituzionale.

    RispondiElimina
  11. ahh peccato altrimenti mi avresti aiutato a cercare una canzone che cerco da una vita :(

    RispondiElimina
  12. Tu chiedi... magari ti sarà dato...! Proviamo.

    RispondiElimina

Posta un commento